La prima bici di mio figlio, quale scegliere?

“Quale bici devo scegliere per mio figlio?”

Questa è la grande domanda che ci si pone quando si avvicina il momento di mettere in sella i nostri figli, si tratta di una scelta molto importante perchè la prima esperienza in bici deve essere positiva ed unica per i nostri piccoli. Il compito di noi genitori è quello di scegliere una bici senza pedali che agevoli al massimo l’apprendimento dell’equilibrio.

Confronto tra i brand più diffusi

Prezzi biciclette da bambino 1-4 anni

Quale bici scegliere per mio figlio? Per aiutarvi in questa scelta abbiamo messo a confronto le biciclette più gettonate e acquistate sul web

  • Chicco Bullet 45€ (colore rosso)
  • Puky 79,99€ (colore rosa)
  • Strider 127€ (colore giallo)
  • Primabici Garelli 149,00€ (119,20 € con codice sconto PRIMABICI20 sul sito ufficiale)

Confronto Strider e Primabici Garelli

Da questa una vista frontale delle due bici possiamo vedere che le geometrie sono simili.

Anche dalla vista laterale possiamo affermare che i due modelli si avvicinano molto. Dai nostri test abbiamo riscontrato che nell’abbassare la sella della Strider al punto più basso il tubo della sella tocca per terra, questo potrebbe essere molto pericoloso per i bimbi.

Confronto Chicco Red Bullet e Primabici Garelli

Da questa foto si possono notare molto bene sulla Chicco le dimensioni sproporzionate del manubrio, moto largo ed alto rispetto alla geometria del telaio. Ben visibili le finiture e la differenza di qualità dei materiali utilizzati.

Anche le dimensioni della sella sono sovradimensionate rispetto a tutto il resto, si tratta di una sella per bici adulto montata su una bici per bamini piccoli.

Abbiamo notato anche che la bici è sprovvista di serraggi automatici per alzare e abbassare agevolmente sella e manubrio, servono quindi sempre due chiavi inglesi. Oltre a questo bisogna porre molta attenzione quando si svita perchè la lega del dado è molto “morbida”.

Per concludere essendo il metallo di sella e manubrio non trattato abbiamo notato facilità nella formazione di ruggine.

Sia sul tubo della sella che sul tubo del manubrio. Da segnalare inoltre che manca una pedanina appoggiapiedi per i bambini, significa che i bimbi dovranno tenere le gambe a penzoloni durante le loro uscite a differenza di altri modelli che hanno previsto l’appoggia piedi. Appoggiare i piedi aiuta lo sviluppo dell’equilibrio motorio.

Confronto Puky e Primabici Garelli

Da questa vista possiamo notare quanto la Puky sia piccola, sicuramente non sarà in grado di accompagnare vostro figlio fino all’età di 4 anni per questo servirà quando sarà più grandicello acquistare un altra bici, a differenza degli altri modelli che sono si possono considerare quasi tutti utilizzabili da 1,5 anni ai 4 anni.

Anche sulla Puky notiamo che i serraggi di manubrio e sella sono realizzati con viteria classica, molto scomodo nel momento in cui dobbiamo regolare velocemente l’altezza della sella sopratutto. Sappiamo tutti che non è agevole e comodo dotarsi tutte le volte dei giusti attrezzi per fare questa operazione.

Qui sotto possiamo invece vedere come Primabici Garelli sia dotata di un sistema di regolazione veloce a leva per la regolazione della sella.

La bici migliore per mio figlio 1 anno, 2 anni, 3 anni, 4 anni

Di seguito sintetizziamo in una comoda tabella tutti i dati utili per fare una scelta consapevole e autonoma della bici che può andare meglio per il vostro bambino, ho evidenziato in rosso gli aspetti problematici da tenere bene in considerazione.

MarchioAltezza min sella (cm)Altezza max sella (cm)Altezza min manubrio (cm)Altezza max manubrio (cm)Distanza sella-manubrio (cm)Peso (kg)
Puky32444353323,45kg
Chicco35425262322,75kg
Strider31494859343,01kg
Primabici3243475232
3,20kg

Come possiamo vedere la bici Chicco per bambini nonostante abbia un costo accessibile è quella con la sella più alta e il manubrio più alto, ciò significa che i bambini potranno utilizzarla quando saranno più grandicelli rispetto agli altri modelli, inoltre anche l’altezza massima è limitata. Per questo motivo la Chicco durerà ai vostri figli per un breve periodo rispetto alle altre e sarete costretti a comprare un’altra bici per accompagnarli fino ai due anni.

Altro aspetto da sottolineare il peso della Puky, come abbiamo visto è molto piccola ma anche molto pesante, questo non è sicuramente un punto a favore, più la bici è pesante più i bimbi soprattutto a 1 e 2 anni fanno fatica a muoversi agevolmente.

Notiamo inoltre quanto la Strider sia lunga rispetto alle altre questo implica che i bimbi sopratutto quando sono più piccoli per arrivare al manubrio devono allontanarsi molto dalla sella e allungare di più la schiena.

Per concludere Primabici Garelli a differenza degli altri modelli ha un’altezza del manubrio regolabile tramite la rotazione della piega manubrio che è stata studiata appositamente per avvicinare o allontanare il manubrio al corpo del bambino, alzarlo o abbassarlo semplicemente ruotando lo stesso nella sede dell’attacco. Oltre a ciò come vediamo sotto è stato inserito sulla forcella un avancorsa che agevola l’attraversamento di ostacoli, diminuisce il pericolo di ribaltamento e abbassa il baricentro rendendo così la bici più maneggevole.

Optional bici da bambino

Di seguito una tabella riepilogativa dove abbiamo evidenziato i punti critici da valutare in rosso.

MarchioPedana per i piediRuote gonfiabiliRegolazione facilitataManubrio regolabileAntiruggine
PukySINONOSINO
ChiccoNONONOSINO
StriderSINOSISISI
PrimabiciSISI (+0,70kg)SISI (tramite piega manurio)SI

Consigli per scegliere la migliore balance bike

Con questo articolo abbiamo voluto fornirvi il maggior numero di elementi possibili e tangibili per scegliere la migliore bici per vostro figlio. Non fatevi ingolosire solo da prezzo iniziale basso perchè poi come abbiamo visto invece di una bici dovrete acquistarne due spendendo di più.